L’informazione che fà la differenza
per la tua impresa
25 Ottobre 2020

Nuovo Dpcm in vigore dalla prossima mezzanotte e fino al 24/11/20, ecco le nuove regole.

possibile la chiusura di strade e piazze dopo le 21 onde evitare assembramenti raccomandato non spostarsi salvo che per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità ogni luogo aperto al pubblico (anche i negozi) deve esporre un cartello all’ingresso con indicato il numero massimo di persone ammesse chiusi parchi divertimento si all’attività sportiva e motoria all’aperto rispettando le distanze di sicurezza sospesi eventi e competizioni sportive individuali e di squadra salvo quelle ad interesse nazionale riconosciute dal CONI o dal CIP e comunque senza pubblico no agli sport di contatto, attività dilettantistica di base, scuole sportive, gare e competizioni anche se ludiche chiuse sale giochi e sale scommesse sospesi spettacoli teatrali, concerti e cinema anche se all’aperto chiuse discoteche, sale da ballo e luoghi simili sia al chiuso che all’aperto vietate feste sia al chiuso che all’aperto anche se collegate ad eventi civili o religiosi cerimonie in assenza di pubblico e nel rispetto dei protocolli già vigenti vietate sagre e fiere sospesi convegni, congressi ed altri eventi salvo che non si tengano in modalità a distanza musei e luoghi della culture aperti nel rispetto dei protocolli aperti asili, elementari e medie mentre per le superiori didattica digitale almeno al 75% […]
18 Ottobre 2020

DPCM 18.10.20: Scarica il cartello per esercizi di ristorazione da appendere all’ingresso!

Scarica qui il cartello da appendere all’ingresso degli esercizi di ristorazione e similari per indicare il numero massimo di persone consentito all’interno del locale come previsto dal Dpcm del 18.10.20: N MAX PERSONE  
18 Ottobre 2020

Nuovo Dpcm 18/10/20

Nuovo Dpcm 18/10/20 Ecco una sintesi delle misure: -I sindaci potranno chiudere dopo le 21 vie e piazze per evitare assembramenti; -Tutte le attività’ di ristorazione e similari sono consentite solo dalle 5 (in Emilia-Romagna dalle 6) alle 24 con servizio al tavolo altrimenti la somministrazione “in piedi” e’ consentita solo fino alle 18 -Sempre possibile la consegna a domicilio mentre l’asporto solo fino alle 24 -A ristorante i tavoli potranno essere solo al massimo di 6 persone -I ristoranti ed i locali similari dovranno affiggere un cartello all’ingresso con indicato il numero massimo di persone che possono entrare nel locale -Le sale giochi, bingo e similari sono consentite solo fino alle ore 21 -Le scuole continuano a rimanere aperte ma alle superiori saranno favorite modalità flessibili con ingressi scaglionati e lezioni anche pomeridiane -Sono vietati gli sport di contatto amatoriali e vietate gare e competizioni sportive dilettantistiche -No a sagre e fiere locali (consentite solo fiere nazionali ed internazionali) -No ai convegni e congressi salvo che non siano garantite le distanze di sicurezza -Nelle pubbliche amministrazioni le riunioni dovranno svolgersi a distanza salvo che per motivate ragione -Palestre e piscine: concessa una settimana di tempo per adeguare i protocolli […]
17 Ottobre 2020

Decreto Regione Emilia-Romagna del 17.10.20, nuove restrizioni per bar e ristoranti in vigore da subito!

La giunta della regione Emilia-Romagna ha approvato un decreto in vigore dal 17.10.20 e fino al 13.11.20 che prevede misure più restrittive rispetto al Dpcm del 13.10.20. Nello specifico: 1. Le attività di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico e le attività di ristorazione (quindi bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie, gastronomie, rosticcerie e similari) sono da considerarsi consentite solo dalle 06,00 alle ore 24,00 con consumo al tavolo e solo dalle ore 06,00 sino alle ore 21,00 in assenza di consumo al tavolo; 2. La vendita per asporto di alimenti e bevande al pubblico e la ristorazione con asporto (quindi bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie, gastronomie, rosticcerie e similari) sono da considerarsi consentite senza limiti orari, ma è vietata la consumazione di tali prodotti sul posto o nelle adiacenze di dette attività dopo le ore 21,00 e fino alle 06,00 del giorno seguente; 3. Le misure di cui ai punti 1 e 2 non si applicano agli esercizi situati lungo le autostrade, nelle aerostazioni e negli interporti; 4. le violazioni alla presente ordinanza, applicate ai sensi dell’art. 4, del Decreto-legge n. 19/2020, sono accertate dai soggetti di cui all’articolo 13, della L. n. 689/1981.  
16 Ottobre 2020

Chiarimenti Agenzia delle Entrate su esenzione iva per prodotti Covid-19

Con la circolare 26/E/2020 di ieri 15.10.20 l’Agenzia delle Entrate ha fornito numerose risposte ai quesiti posti in questi mesi circa l’applicazione dell’esenzione iva per i “prodotti Covid”. In alcuni casi la qualificazione dei beni non è di per sé sufficiente, in quanto bisogna andarne a verificare caso per caso la destinazione effettiva soprattutto per i beni che possono essere utilizzati per diverse finalità come, ad esempio, le soluzioni idroalcoliche che possono essere utilizzate anche per finalità cosmetiche o alimentari. In questo caso l’esenzione opera solo se sono utilizzate per finalità sanitarie. Ecco in riassunto quanto chiarito: Articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie Sono compresi quei beni che possiedono le caratteristiche idonee a garantire la protezione degli operatori sanitari dalla diffusione del virus (Dpi o Dm). Sono compresi anche se utilizzati da imprese non sanitarie se adottati a seguito di protocolli anti covid. Beni di cui all’articolo 124 del decreto Rilancio utilizzabili per Covid e per altre finalità Questi beni se destinati ad utilizzo sanitario diverso da Covid-19 fino al 31 dicembre 2020 dovrebbero essere a regime iva ordinario e 1° gennaio 2021 al 5% per qualunque finalità sanitaria Termometri Tutti i termometri per la misurazione della temperatura corporea […]
14 Ottobre 2020

Bonus sanificazione e Dpi: il credito d’imposta sale al 28,3%

Con la conversione in legge del Dl agosto è stato rifinanziato il fondo per il credito d’imposta per sanificazione e Dpi che passa così da una percentuale del 9,3% al 28,3%.
25 Ottobre 2020

Nuovo Dpcm in vigore dalla prossima mezzanotte e fino al 24/11/20, ecco le nuove regole.

possibile la chiusura di strade e piazze dopo le 21 onde evitare assembramenti raccomandato non spostarsi salvo che per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità ogni luogo aperto al pubblico (anche i negozi) deve esporre un cartello all’ingresso con indicato il numero massimo di persone ammesse chiusi parchi divertimento si all’attività sportiva e motoria all’aperto rispettando le distanze di sicurezza sospesi eventi e competizioni sportive individuali e di squadra salvo quelle ad interesse nazionale riconosciute dal CONI o dal CIP e comunque senza pubblico no agli sport di contatto, attività dilettantistica di base, scuole sportive, gare e competizioni anche se ludiche chiuse sale giochi e sale scommesse sospesi spettacoli teatrali, concerti e cinema anche se all’aperto chiuse discoteche, sale da ballo e luoghi simili sia al chiuso che all’aperto vietate feste sia al chiuso che all’aperto anche se collegate ad eventi civili o religiosi cerimonie in assenza di pubblico e nel rispetto dei protocolli già vigenti vietate sagre e fiere sospesi convegni, congressi ed altri eventi salvo che non si tengano in modalità a distanza musei e luoghi della culture aperti nel rispetto dei protocolli aperti asili, elementari e medie mentre per le superiori didattica digitale almeno al 75% […]
18 Ottobre 2020

DPCM 18.10.20: Scarica il cartello per esercizi di ristorazione da appendere all’ingresso!

Scarica qui il cartello da appendere all’ingresso degli esercizi di ristorazione e similari per indicare il numero massimo di persone consentito all’interno del locale come previsto dal Dpcm del 18.10.20: N MAX PERSONE  
18 Ottobre 2020

Nuovo Dpcm 18/10/20

Nuovo Dpcm 18/10/20 Ecco una sintesi delle misure: -I sindaci potranno chiudere dopo le 21 vie e piazze per evitare assembramenti; -Tutte le attività’ di ristorazione e similari sono consentite solo dalle 5 (in Emilia-Romagna dalle 6) alle 24 con servizio al tavolo altrimenti la somministrazione “in piedi” e’ consentita solo fino alle 18 -Sempre possibile la consegna a domicilio mentre l’asporto solo fino alle 24 -A ristorante i tavoli potranno essere solo al massimo di 6 persone -I ristoranti ed i locali similari dovranno affiggere un cartello all’ingresso con indicato il numero massimo di persone che possono entrare nel locale -Le sale giochi, bingo e similari sono consentite solo fino alle ore 21 -Le scuole continuano a rimanere aperte ma alle superiori saranno favorite modalità flessibili con ingressi scaglionati e lezioni anche pomeridiane -Sono vietati gli sport di contatto amatoriali e vietate gare e competizioni sportive dilettantistiche -No a sagre e fiere locali (consentite solo fiere nazionali ed internazionali) -No ai convegni e congressi salvo che non siano garantite le distanze di sicurezza -Nelle pubbliche amministrazioni le riunioni dovranno svolgersi a distanza salvo che per motivate ragione -Palestre e piscine: concessa una settimana di tempo per adeguare i protocolli […]
17 Ottobre 2020

Decreto Regione Emilia-Romagna del 17.10.20, nuove restrizioni per bar e ristoranti in vigore da subito!

La giunta della regione Emilia-Romagna ha approvato un decreto in vigore dal 17.10.20 e fino al 13.11.20 che prevede misure più restrittive rispetto al Dpcm del 13.10.20. Nello specifico: 1. Le attività di somministrazione di alimenti e bevande al pubblico e le attività di ristorazione (quindi bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie, gastronomie, rosticcerie e similari) sono da considerarsi consentite solo dalle 06,00 alle ore 24,00 con consumo al tavolo e solo dalle ore 06,00 sino alle ore 21,00 in assenza di consumo al tavolo; 2. La vendita per asporto di alimenti e bevande al pubblico e la ristorazione con asporto (quindi bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, pizzerie, gastronomie, rosticcerie e similari) sono da considerarsi consentite senza limiti orari, ma è vietata la consumazione di tali prodotti sul posto o nelle adiacenze di dette attività dopo le ore 21,00 e fino alle 06,00 del giorno seguente; 3. Le misure di cui ai punti 1 e 2 non si applicano agli esercizi situati lungo le autostrade, nelle aerostazioni e negli interporti; 4. le violazioni alla presente ordinanza, applicate ai sensi dell’art. 4, del Decreto-legge n. 19/2020, sono accertate dai soggetti di cui all’articolo 13, della L. n. 689/1981.  
16 Ottobre 2020

Chiarimenti Agenzia delle Entrate su esenzione iva per prodotti Covid-19

Con la circolare 26/E/2020 di ieri 15.10.20 l’Agenzia delle Entrate ha fornito numerose risposte ai quesiti posti in questi mesi circa l’applicazione dell’esenzione iva per i “prodotti Covid”. In alcuni casi la qualificazione dei beni non è di per sé sufficiente, in quanto bisogna andarne a verificare caso per caso la destinazione effettiva soprattutto per i beni che possono essere utilizzati per diverse finalità come, ad esempio, le soluzioni idroalcoliche che possono essere utilizzate anche per finalità cosmetiche o alimentari. In questo caso l’esenzione opera solo se sono utilizzate per finalità sanitarie. Ecco in riassunto quanto chiarito: Articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie Sono compresi quei beni che possiedono le caratteristiche idonee a garantire la protezione degli operatori sanitari dalla diffusione del virus (Dpi o Dm). Sono compresi anche se utilizzati da imprese non sanitarie se adottati a seguito di protocolli anti covid. Beni di cui all’articolo 124 del decreto Rilancio utilizzabili per Covid e per altre finalità Questi beni se destinati ad utilizzo sanitario diverso da Covid-19 fino al 31 dicembre 2020 dovrebbero essere a regime iva ordinario e 1° gennaio 2021 al 5% per qualunque finalità sanitaria Termometri Tutti i termometri per la misurazione della temperatura corporea […]
14 Ottobre 2020

Bonus sanificazione e Dpi: il credito d’imposta sale al 28,3%

Con la conversione in legge del Dl agosto è stato rifinanziato il fondo per il credito d’imposta per sanificazione e Dpi che passa così da una percentuale del 9,3% al 28,3%.